Yuzu risponde alla causa di Nintendo assumendo un avvocato

Qualche giorno fa Nintendo ha deciso di denunciare gli autori dell’emulatore Yuzu con l’accusa di favorire la pirateria. Gli sviluppatori hanno quindi scelto di non rimanere fermi, ma di rispondere direttamente alla causa assumendo un avvocato.

Entra nel Gruppo Telegram di PokéNext per essere subito aggiornato su tutte le novità e per commentarle con altri fan: https://t.me/pokenext

Secondo Nintendo, la tecnologia utilizzata dall’emulatore aggirerebbe la crittografia dei software proprietari dell’azienda, favorendone la diffusione illegale. A dimostrazione di questo, l’azienda afferma che The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom è stato scaricato un milione di volte prima del lancio.

Dato l’imminente lancio di Nintendo Switch 2 (ancora rumoreggiata, non annunciata ufficialmente) è probabile che l’azienda voglia limitare il più possibile l’emulazione dei suoi giochi. Bisogna comunque considerare che, anche data l’esistenza di emulatori di questo tipo, la console è ormai la più venduta di sempre in Giappone e non solo.

Fonte